Technical work is underway on the web portal!

Ensemble Sheikhantaur

L'area Sheikhantaur Ensemble si trova a Tashkent tra le vie Abdullah Kadiri e Alisher Navoi. L'insieme è composto da tre mausolei: il Mausoleo di Sheikh Khovendi at-Takhur, il Mausoleo di Kaldirgach-biy e il Mausoleo di Yunus-Khan.

Sheikhantaur nacque alla fine del XIII secolo in una famiglia di Khoja nel villaggio montano di Bogustan, dove ora sguazzano le onde del bacino di Charvak. Suo padre, lo sceicco Omar, era un discendente del secondo giusto califfo Omar. La gente credeva che lo sceicco Omar potesse fare miracoli e dominare gli elementi. Era come se la grazia suprema fosse stata trasmessa da lui a suo figlio. Il giovane Sheikhantaur stava imparando le verità sufi. Secondo i biografi, il sufi di

Tashkent era particolarmente colpito dalla verità: "Le alte qualità spirituali e la conoscenza nelle scienze sono direttamente proporzionali alla pazienza e alla mitezza di un saggio nei confronti della maleducazione degli ignoranti".

Lo sceicco visse e predicò a Tashkent e morì tra il 1355 e il 1360. Si dice che il mausoleo sopra la sua tomba sia stato costruito su iniziativa dello stesso Amir Timur. È un edificio basso a due camere con due cupole di diversa altezza. L'edificio ha acquisito il suo aspetto attuale dopo numerosi restauri e modifiche all'inizio del XIX secolo. All'interno ci sono tre lapidi, una sotto la grande cupola e due sotto quella piccola. L'unico dei quarantotto sauri, il Saurus Iskander, piantato da Alessandro Magno, è stato conservato nel mausoleo. L'albero di conifere pietrificato si trova all'interno del mausoleo proprio accanto alla maestosa pietra tombale dello sceicco.

Vale la pena notare che la famiglia Sheikhantaur comprendeva molti abitanti di spicco di Tashkent, tra cui il famoso predicatore del periodo Timurid, Ubaidullah Hoja Ahror (1404- 1490), e un sovrano indipendente di Tashkent nella seconda metà del XVIII secolo, Yunus- Hadja.

Un altro mausoleo, il mazar di Kaldyrgach-biy, è sopravvissuto fino ad oggi accanto al mausoleo di Sheikhantaur. La forma caratteristica della cupola piramidale di questo monumento architettonico del XV secolo si differenzia nettamente dalle altre strutture del complesso e ricorda i mazar delle steppe kazake. Infatti, i resti di Tole-biy, un famoso statista kazako, riposano sotto le volte di questo mausoleo. Insieme al popolo di Tashkent, Tole Biy riuscì ad espellere l'invasore Dzhangar-Kalmyk dall'Asia centrale. Tole-biy nominò come suo confidente a Tashkent Yunus-khoja, lo sheikhantaur khokim, che divenne un sovrano indipendente dello stato di Tashkent dopo la sua morte.

Un altro mausoleo sopravvissuto del complesso della fine del XV secolo è il mausoleo di Yunus Khan, un poeta e guerriero Mughal, il nonno del grande Babur. L'edificio è stato restaurato molte volte; è un raro tipo di khanaka a forma di T con un alto revak in cima alla facciata.

Oggi, lo Sheikhantaur di Tashkent continua ad essere un sito architettonico e di pellegrinaggio eccezionale. La bellezza e il paesaggio di questo angolo della città hanno ispirato poeti e artisti. Sergei Yesenin, Alexander Volkov, Sergei Yudin e molti altri amavano visitare questo luogo.

Giro in linea

 

Un commento

0

Lascia un commento

Per poter lasciare un commento è necessario effettuare il login attraverso i social network:


Effettuando il login, acconsenti al trattamento Dati personali

Guarda anche