Technical work is underway on the web portal!

Tumulo di Pikend - Pompei dell'Asia

Queste sono le rovine dell'insediamento medievale di Paikend nella provincia di Bukhara. Questa città unica è stata inghiottita dal deserto per millenni, il che ha contribuito a preservare i suoi resti fino ad oggi. È per questo che gli archeologi hanno soprannominato la zona la Pompei dell'Asia.

Secondo gli storici, l'antica cittadella della città di Sogdian fu abitata per la prima volta all'inizio del nostro millennio. Nel Medioevo, ospitava il palazzo di un sovrano, antichi templi e annessi. Due città interne (Shahristans) adiacenti alla cittadella, un tempo abitate da Eftaliti, erano circondate da mura di fortezza con torri che davano loro lo status di città antiche. C'era una necropoli e templi zoroastriani nella parte settentrionale della cittadella.

Durante il regno dei Samanidi la città conobbe la sua più grande prosperità e divenne un importante centro commerciale e artigianale. Numerosi caravanserragli sorsero intorno all'antica città e divennero un punto di sosta per molti commercianti di passaggio a Bukhara. Gli archeologi hanno trovato qui i resti di un'antica moschea del venerdì del XI secolo. Ma nell'XI secolo, a causa dell'abbassamento del fiume Zerafshan, il rifornimento d'acqua a Paikend cessò e cadde in rovina. Molte centinaia di anni dopo qui regnava il deserto, il che ha aiutato gli studiosi delle rovine a mettere insieme un grande tesoro di storia antica in un unico puzzle.

Gli scienziati hanno scoperto qui materiale unico che prova che la cultura dell'antica Sogdiana era la più grande qui: ceramiche smaltate con dipinti tricolori, vetreria blu progettata per esperimenti chimici, bottiglie e recipienti per conservare profumi e medicine.

Puoi vedere tutta questa bellezza al Museo di Storia di Pikend.

Un commento

0

Lascia un commento

Per poter lasciare un commento è necessario effettuare il login attraverso i social network:


Effettuando il login, acconsenti al trattamento Dati personali

Guarda anche