Photo and Video

Complesso Sultan Uwais Karani

Uwais ibn Amir al-Qarani è una figura molto rispettata nell'Islam e nel sufismo. Visse al tempo del Profeta Muhammad (SAW). Durante la sua vita, questo santo ha vagato molto ed è stato coinvolto nella diffusione dell'Islam. La vita e anche la morte di Uwais Qarani hanno dato origine a molte leggende. Si crede che dopo la sua morte nella battaglia di Siffin, i sette sultani non potevano decidere chi avrebbe seppellito Karani. Ogni sultano preparò una bara e risultò che il santo era in ognuna di esse.

Ci sono diversi luoghi nel mondo musulmano dove Karani è sepolto. E uno di questi luoghi si trova nel distretto di Chartaq della provincia di Namangan. Secondo la leggenda, venne in queste terre per promuovere l'Islam. Si crede anche che la madre di Karani sia sepolta qui. Quando lei morì, la santa non riuscì a trovare l'acqua per le sue abluzioni per molto tempo e allora Karani

fece appello all'Onnipotente per l'acqua. Poi colpì la terra asciutta con la sua mano e la sorgente sacra si mise in moto nello stesso momento.

Il mazar su questo sito fu eretto nei secoli 12° e 13° e con il tempo è emerso qui un grande complesso architettonico che comprende una moschea, un mausoleo e un museo. Negli ultimi anni ha subito un'ampia ricostruzione. Il territorio del complesso e i suoi dintorni sono stati migliorati, sono stati costruiti una biblioteca e persino un hotel. Oggi nel territorio del complesso sono state create tutte le condizioni per fare riti di pellegrinaggio. L'ingresso anteriore è decorato con un cancello simbolico. C'è uno stagno nella parte centrale, e gli edifici della moschea e del mausoleo sono così abilmente decorati che sembrano giocattoli da una vista dall'alto.

Per secoli, il santuario ha attirato pellegrini da tutto il mondo, e il bel complesso è diventato ora un luogo di solitudine e di pace.

Un commento

0

Lascia un commento

Per poter lasciare un commento è necessario effettuare il login attraverso i social network:


Effettuando il login, acconsenti al trattamento Dati personali

Guarda anche