Technical work is underway on the web portal!

Jampyk Kala - la più bella fortezza dell'antica Khorezm

Sai dove sono nascosti più segreti? Forse in antiche fortezze, il più lontano possibile da città rumorose e da gente curiosa? Qui le antiche mura tacciono su qualcosa, nascondendo segreti che non sapremo mai.

Jampyk-Kala è un'antica fortezza situata sul territorio del Karakalpakstan, vicino al corso inferiore del fiume Amudarya, vicino alla riserva Bagay-Tugay. Lasciando l'autostrada Urgench- Nukus, vi troverete su una strada che serpeggia tra colline sormontate da cime nero-verdi. Avvicinandosi all'amato punto, le cenge fantasiose, le torri semidistrutte e la silhouette delle mura saranno già visibili da lontano. Può essere un miraggio in mezzo al deserto o il miracolo creato dalle mani di un'antica civiltà. E quando ci si avvicina molto alle mura d'argilla della fortezza, ci si rende conto di quanto sia antico il nostro mondo, e di quanti misteri inesplorati rimangono nel passato con le mura semidistrutte.

L'archeologo sovietico S. P. Tolstoy chiamò Dzhanpyk-Kala la più bella fortezza dell'antica Khorezm. È davvero molto spettacolare, soprattutto al tramonto. E anche di notte, sotto la galassia della Via Lattea, la fortezza è ineffabilmente mozzafiato, come se sussurrasse di una vita precedente. Chissà, forse gli spiriti degli antichi Khorezmiani vivono all'interno.

La data esatta in cui fu costruita la prima versione della fortezza è sconosciuta. Potrebbe essere stata costruita tra il IV secolo a.C. e il I secolo d.C. La cosiddetta versione originale della fortezza non è sopravvissuta. Quello che vediamo oggi è di un periodo successivo, approssimativamente dal IX al X secolo d.C. La fortezza faceva parte dell'antica città dello stato di Khorezm. Ci sono alcune case e annessi all'interno della fortezza. C'è anche un palazzo e una cittadella sulle cui pareti si possono vedere decorazioni di facciata. Tale decorazione era caratteristica dell'architettura dell'antica Khorezm.

Oggi rimangono cinque torri. Una torre ha un'entrata in una stanza interna. Le altre torri sono monolitiche. L'entrata del muro nord si affaccia sul cimitero. Il muro meridionale porta tracce di una breccia nell'ex invasione mongola.

Guardando da dietro le mura della fortezza, è difficile capire cosa abbia spinto la gente a costruire strutture così maestose in mezzo al deserto. È possibile che questo luogo non fosse un deserto, ma un'oasi fiorita, o che i Khorezmiani avessero qualcosa da nascondere ai loro contemporanei. Non lo sapremo mai.

Un commento

0

Lascia un commento

Per poter lasciare un commento è necessario effettuare il login attraverso i social network:


Effettuando il login, acconsenti al trattamento Dati personali

Guarda anche