Technical work is underway on the web portal!

Al-Biruni

"Se la Terra non fosse rotonda e non ruotasse, 

i giorni e le notti avrebbero la stessa lunghezza".

(Al-Biruni)

Tutti sanno quanto tempo e quanta fatica ha impiegato la scienza per arrivare alla verità inconfutabile sulla forma della Terra e sulla sua rotazione intorno al sole. Fernand Magellan, Giordano Bruno e Galileo Galilei hanno cercato di dimostrare il loro punto: "...eppure gira! Alcuni furono increduli e consegnati all'Inquisizione, altri, anche dopo aver circumnavigato il globo, furono interrogati e criticati. Ma dall'altra parte del mondo, 500 anni prima, lo scienziato enciclopedico medievale Al-Biruni fu in grado di calcolare il raggio della Terra, dimostrando matematicamente che la Terra gira ed è rotonda.

Il suo nome completo era Abu Reihan Muhammad ibn Ahmed al-Biruni, un grande scienziato, poeta e filosofo che era in grado di padroneggiare quasi tutte le scienze del suo tempo. I suoi interessi si estendevano a scienze come astronomia e geografia, matematica e fisica, chimica e botanica, geodesia e farmacologia, geologia e mineralogia, storia ed etnografia, filosofia e filologia. Inoltre, al-Biruni conosceva più di sei lingue, tra cui persiano, korezmiano, ebraico, arabo, greco, siriaco e sanscrito. Parlava correntemente sia l'arabo che il persiano. Era quello che Friedrich Nietzsche chiamava un superuomo. Il destino dello studioso è molto interessante e insolito, come nel caso di molti geni.

Al-Biruni nacque il 4 ottobre 973 nella città di Kyat, la capitale del Khorezm. Nella sua autobiografia, al-Biruni ammise di non ricordare i suoi genitori e di considerarsi orfano. Al-Biruni trascorse i primi anni della sua vita in una famiglia adottiva, dove il giovane talento venne all'attenzione del noto scienziato del suo tempo Abu Nasr Mansur ibn Ali ibn Iraq, che decise di insegnare a Biruni. Fu lui a instillare l'amore per le scienze naturali, in primo luogo l'astronomia e la matematica.

Avendo ricevuto un'educazione completa a casa, il giovane scienziato iniziò a fare le proprie osservazioni e calcoli. Nel 995, produsse il primo mappamondo dell'Asia centrale, che registrava le coordinate geografiche degli insediamenti con una precisione senza precedenti per quel tempo.

Per qualche tempo, Biruni visse nella città di Gurgan, sulla riva orientale del Mar Caspio. Lì sperava di trovare le condizioni necessarie per lo sviluppo dell'attività scientifica. Lì scrisse la sua opera "Cronologia, o monumenti delle generazioni passate". Lì ha descritto tutti i calendari mai utilizzati dai vari popoli del mondo. A Gurgan, ha scritto un secondo libro, "Spherika. O le chiavi della scienza dell'astronomia su ciò che accade sulla superficie della sfera".

"Ogni nazione si è distinta nello sviluppo di qualche scienza o pratica".

Nel 1004, al-Biruni tornò a Khorezm e si stabilì nella nuova capitale, Urgench. Al-Biruni partecipò attivamente alle attività scientifiche e fu fondata un'accademia scientifica speciale. Anche Abu Ali ibn Sina e al-Khwarizmi, il fondatore dell'algebra, vi lavorarono. Alla fine del 1017 il sultano Mahmud Ghaznavi catturò Khorezm, distrusse tutto il paese e fece prigioniero uno scienziato. Ben presto Mahmud Ghaznavi decise di partire per una campagna in India e portò con sé al-Biruni come uomo istruito.

Mentre era in India, al-Biruni continuò a dedicarsi alla scienza, compresa la mineralogia. Ha usato le pietre per determinare quali depositi si trovavano nel sottosuolo. Dopo la morte del crudele sultano, lo scienziato fu in grado di svolgere il suo lavoro scientifico in modo più fruttuoso. Poi avanzò diverse ipotesi sul movimento della Terra intorno al sole, sul movimento delle stelle, sull'esistenza di altri continenti.

Il geniale scienziato scrisse più di 150 opere, di cui solo 5 sono sopravvissute. Al-Biruni ha stimato la distanza della luna in 664 raggi terrestri; ha catalogato 1.029 stelle di cui ha ricalcolato le posizioni da precedenti zija arabi - e questi sono ben lungi dall'essere tutti i risultati di questo superuomo.

"Non ho bisogno dell'argento! Io ho la ricchezza suprema: la conoscenza. E infatti - perché ho bisogno di ricchezze? Sono già ricco. Ricco di conoscenza!"

В 1004 Аль-Бируни вернулся в Хорезм и поселился в новой столице Ургенче. Аль-Бируни принимал активное участие в научной деятельности, была создана специальная научная академия. В ней также трудились Абу Али ибн Сина и основатель алгебры аль-Хорезми. В конце 1017 года Хорезм захватил султан Махмуд Газневи, он разрушил всю страну, а ученого взял в плен. Вскоре Махмуд Газневи решил пойти в поход на Индию и с собой взял аль-Бируни, как образованного человека.

Находясь в Индии, аль-Бируни продолжал заниматься наукой, в том числе и минералогией. По камням он определял какие залежи находятся под землей. После смерти жестокого султана ученый смог более плодотворно вести научную работу. Тогда он выдвинул несколько гипотез о движении Земли вокруг Солнца, о подвижности звезд, о существовании других материков.

Гениальным ученым было написано более 150 трудов, которые до нас дошло только 5. Аль-Бируни оценил расстояние до Луны как 664 земных радиуса; составил каталог 1029 звезд, положения которых вычислил заново из более ранних арабских зиджей – и это далекое не все достижения этого сверхчеловека.

«Мне не нужно серебро! У меня есть высшее богатство – знания. И на самом деле – зачем мне богатства? Я и так богат. Богат знаниями!»

Un commento

0

Lascia un commento

Per poter lasciare un commento è necessario effettuare il login attraverso i social network:


Effettuando il login, acconsenti al trattamento Dati personali

Guarda anche