Technical work is underway on the web portal!

Mirzo Ulugbek

"La religione si disperde come la nebbia, i regni vengono distrutti, 

ma le opere degli studiosi rimangono nei secoli dei secoli".

(Mirzo Ulugbek) 

Su una collina della città di Samarcanda c'è una struttura insolita. È stato costruito più di cinque secoli fa - ed è l'Osservatorio di Ulugbek, l'edificio che ha permesso una svolta nell'astronomia medievale.

 

Muhammad Taragai ibn Shahrukh ibn Timur Ulugbek Guragan nacque nel 1394 nella famiglia di Shahrukh, il figlio maggiore di Tamerlano. Già all'età di 10 anni divenne il governatore del vasto territorio di Maverannahr con Samarcanda come capitale, ma nella storia non fu un formidabile sovrano ma un grande studioso. Mirzo Ulugbek era una delle persone più istruite del mondo ed era addirittura in anticipo sui tempi. Forse non tutto quello che Ulugbek ha fatto è stato capito dai suoi contemporanei.


Quando Ulugbek aveva 8 anni, accompagnò il suo famoso nonno Amir Temur in una campagna in Asia Minore e in Siria. Una volta nella città di Merag, il giovane Ulugbek vide il famoso osservatorio Maragin, che esisteva fino alla metà del XIV secolo ed era il più grande osservatorio astronomico del suo tempo. Conteneva circa 400 mila manoscritti e più di 100 astronomi. Da allora, si dice che Ulugbek abbia sviluppato una passione per l'astronomia.

Grazie alla vasta conoscenza e al potere del sovrano, Mirzo Ulugbek fu in grado di costruire il centro astronomico più attrezzato dell'epoca. L'osservatorio era di forma circolare, il suo diametro raggiungeva i 46 metri e la sua altezza era al livello di un edificio di dieci piani. Anche se la struttura era a tre piani, ogni piano era dieci metri più alto. Ulugbek costruì un quadrante all'interno sulla linea del meridiano, un grande strumento che era lungo 64 metri e aveva un'inclinazione di 90 gradi. Prima dell'invenzione del telescopio, tale quadrante serviva come strumento per misurare l'altezza dei luminari sopra l'orizzonte e per determinare la coordinata del punto da cui veniva effettuata la misurazione. Il quadrante di Ulugbek era il più grande del mondo all'epoca e quindi il più preciso. L'osservatorio consisteva di due parti, di cui quella sotterranea è sopravvissuta.

Mirzo Ulugbek passava giorni e notti nel suo osservatorio. Il risultato del suo lavoro fu il "Gurgan Zij", un catalogo stellare, in cui l'astronomo descrisse 1018 stelle e le divise in 38 costellazioni.

Mirzo Ulugbek è stato in grado di calcolare la durata di un anno siderale con una precisione senza precedenti - 365 giorni, 6 ore, 10 minuti, 8 secondi, con un errore di meno di un minuto. Ha anche determinato l'inclinazione dell'asse terrestre. Durante la sua vita, le opere scientifiche di Ulugbek erano conosciute in tutto il mondo. Hanno scritto di lui e ne hanno parlato in Cina, e hanno usato i calcoli astronomici di Ulugh Beg. In 200 anni più tardi, gli scienziati inglesi studiarono le scoperte di Ulugbek. Le sue opere scientifiche furono tradotte in latino.

Ulugbek non era solo un astronomo, ma anche un matematico, un illuminista, un poeta e uno storico. Nel XV secolo, esortava la gente a istruirsi: "La conoscenza deve essere posseduta da un musulmano e da una musulmana". Ulugbek era molto forte nel suo desiderio di illuminare la gente. A questo scopo, costruì delle madrasa - istituzioni di apprendimento superiore. Le madrase sono state costruite a Bukhara e Samarcanda. Uno di loro è più famoso come parte dell'insieme sulla piazza Registan a Samarcanda.

La passione per la scienza in quel tempo lontano si è rivelata un affare pericoloso. Mirzo Ulugh Beg aveva messo i capi religiosi contro di lui, e la sua mancanza di vittorie militari aveva scosso la sua autorità. Come risultato, fu organizzata una ribellione, guidata dal figlio maggiore di Ulugh Beg, Abdulatif.

La battaglia decisiva tra padre e figlio ebbe luogo alla periferia di Samarcanda. Le forze di Ulugbek furono sconfitte ed egli dovette arrendersi. Con il consenso di Abdulatif, Mirzo Ulugbek andò alla Mecca, ma sulla strada i traditori catturarono Ulugbek e decapitarono il sovrano. Questo accadde il 27 ottobre 1449.

Dopo la morte di Mirzo Ulugbek, l'osservatorio funzionò per altri 20 anni, ma presto fu chiuso e l'edificio crollò gradualmente. L'apertura dell'osservatorio ebbe luogo nel 1908. L'archeologo Vyatkin, utilizzando documenti trovati, è stato in grado di localizzare l'osservatorio di Ulugbek a Samarcanda.

Un commento

0

Lascia un commento

Per poter lasciare un commento è necessario effettuare il login attraverso i social network:


Effettuando il login, acconsenti al trattamento Dati personali

Guarda anche