Technical work is underway on the web portal!

Avicenna (Ibn Sino)

"L'ozio e la pigrizia non solo fanno nascere l'ignoranza, 

sono allo stesso tempo la causa della malattia".

(Abu Ali Ibn Sina)

Per più di dieci secoli il nome di Abu Ali Ibn Sina è stato tra gli immortali pensatori e studiosi del mondo. È il principale rappresentante delle figure di spicco e degli illuministi dell'Asia centrale. Naturalista e matematico, filosofo e medico, critico letterario e poeta - non sono pochi individui, è una sola persona!

Il contributo di Ibn Sina alla scienza e alla cultura è innegabile. Possedeva una conoscenza enciclopedica e fece scoperte in varie scienze. La preziosa eredità di Abu Ali Ibn Sina occupa un posto cruciale nella storia dello sviluppo della civiltà mondiale.

Il piccolo villaggio di Afshana, a 30 km da Bukhara, è il luogo di nascita di Ibn Sina. Qui, nel 980, nacque un ragazzo di nome Husain. Si sa che fin dalla tenera età il futuro scienziato mostrò capacità e talenti straordinari. E già il padre di Hussein, Abdullah, di cinque anni, lo portò a Bukhara per dare al figlio una buona educazione. Lì, Husein imparò l'arabo e all'età di 10 anni conosceva il Corano a memoria. Il ragazzo padroneggiava con successo scienze come l'aritmetica, la giurisprudenza islamica e la geometria.

Nella sua autobiografia, lo studioso ricorda una visita a Bukhara del famoso studioso Abu Abdullah Nathili, che gli diede lezioni di logica e filosofia. Ma dall'età di 14 anni, Husain cominciò a studiare da solo l'astronomia, la metafisica, la geometria e poi la medicina. All'età di 16 anni, il giovane riuscì a padroneggiare la scienza medica in modo così completo e profondo che gli eminenti medici dell'epoca cercarono i suoi consigli. In un'occasione, l'emiro di Bukhara in persona cercò il suo aiuto.

Ibn Sina studiò geometria, astronomia e musica con grande zelo e passione. Soprattutto amava la medicina. Conosceva bene le opere degli antichi filosofi e scienziati greci, tra cui i nomi di Ippocrate, Platone e Aristotele.

Ibn Sina aveva scritto la sua opera filosofica "Studi sui poteri mentali" all'età di 17 anni. Chi avrebbe mai pensato che il giovane potesse parlare in modo così maturo di significati nascosti. All'età di 21 anni, lo studioso scrisse Al-Majmul, in cui condivide i suoi pensieri sulla poetica, la retorica e altre scienze.

Nel 1005, Ibn Sina si trasferisce a Khorezm. Dopo sette anni, si trasferisce a Jurjan, poi nelle città del Khorasan e dell'Iran. A Jurjan, Ibn Sina iniziò a lavorare alla sua famosa opera in più volumi "Il Canone della Medicina". Più di tutto, Ibn Sina voleva che la scienza della medicina fosse ampiamente divulgata. L'opera è ancora attuale. Sempre più spesso, medici e scienziati di tutto il mondo fanno riferimento alle conclusioni scientifiche di Ibn Sina. Dopo tutto, le sue idee sono rilevanti come lo erano una volta. Per esempio, lo studioso ha scritto che è molto più importante prevenire le malattie che curarle:

L'elenco dei sintomi non è insignificante, 

Li ho già descritti in dettaglio,

E lo dirò di nuovo: curate la causa. 

Il principio principale della nostra medicina è questo.

Già durante la sua vita, Ibn Sina divenne una celebrità. Era conosciuto in Europa come Avicenna (la pronuncia latinizzata del suo nome). Avicenna ha lasciato un'enorme eredità di medicina, libri di logica, fisica, matematica e altre scienze. Scrisse più di 450 opere, di cui circa 240 sono sopravvissute.

Ibn Sina morì il 24 giugno 1037. Non c'è dubbio che l'eredità di Avicenna è un dono prezioso per le generazioni non solo di oggi, ma per tutte le generazioni a venire, almeno per diversi secoli a venire.

Un commento

1

teşekkür ederiz

Setiv | 08.02.2023

Lascia un commento

Per poter lasciare un commento è necessario effettuare il login attraverso i social network:


Effettuando il login, acconsenti al trattamento Dati personali

Guarda anche