Technical work is underway on the web portal!

Innamorato dell'Uzbekistan - Kyuzo Kato

"Come giapponese, considero l'Uzbekistan la mia seconda patria e sono orgoglioso di essere un cittadino onorario di questo paese..." ha detto Kyuzo Kato, uno studioso eccezionale, archeologo, professore onorario del Museo Nazionale Etnologico del Giappone, comandante dell'Ordine di Dustlik e cittadino onorario della città di Termez, una volta in un'intervista con i giornalisti uzbeki.

Kyuzo Kato è nato il 18 maggio 1922 in Giappone. È entrato all'Università Sophia di Tokyo e ha studiato filologia tedesca nel dipartimento di lingue straniere.

"A quel tempo io, come molti dei miei coetanei, ero interessato alla filosofia: in essa cercavo un sostegno spirituale e un significato per questa vita incomprensibile", scrive nella sua autobiografia.

Dal suo terzo anno nell'esercito, in Manciuria, si è laureato alla scuola per ingegneri ed è diventato un ufficiale del 252° battaglione degli ingegneri. Il 17 agosto 1945, l'imperatore Hirohito emise un rescritto "Ai soldati e ai marinai", dopo il quale l'esercito giapponese smise di resistere e iniziò la resa. Anche il tenente Kyuzo Kato è stato fatto prigioniero.

Nel corso di quattro anni, Kyuzo Kato ha cambiato più di una dozzina di campi di prigionia in varie parti della Siberia orientale e dell'Estremo Oriente.

Kato Kyuzo tornò in patria il 17 aprile 1950. Si è ristabilito al terzo anno di università, e dopo la laurea è entrato a far parte della grande casa editrice enciclopedica Heibonsha, dove ha iniziato i suoi primi studi accademici.

L'Asia centrale occupava un posto speciale nelle opere di Kato Kyuzo. Nel 2001, la Tokai University Press ha pubblicato Ai-Khanum, una monografia sul sito della fortezza greco-battriana alla confluenza dei fiumi Amu Darya e Kokchi nella provincia di Kunduz, Afghanistan. Il sito è un monumento unico della cultura ellenistica in Asia centrale. Negli ultimi decenni del ventesimo secolo, Kato Kyuzo iniziò gli scavi delle reliquie buddiste della dinastia Kushan in Uzbekistan (III-II secolo a.C.-II secolo d.C.), la cui capitale era situata sul territorio di Dalverzintepa, sul fiume Surkhandarya, nel sud del paese.

Come è noto, furono i governanti Kushan ad abbracciare il buddismo e a stabilire questa religione mondiale come religione di stato sul territorio dell'Asia centrale. Avendo iniziato il suo lavoro sugli scavi dei monumenti buddisti Karatepa e Fayaztepa vicino a Termez nel 1998, lo studioso viene in Uzbekistan due volte all'anno, in primavera e in autunno, per continuare le sue ricerche archeologiche. Per molti anni il professor Kato ha guidato una spedizione archeologica internazionale uzbeko-giapponese nei siti buddisti dell'antico insediamento di Dalverzintepa (vicino a Shurchi nella provincia di Surkhandarya).

I risultati del lavoro scientifico di Kato sono esposti nei libri "Dalvarzintepa Settlement" e "Antiquities of Southern Uzbekistan". L'archeologo giapponese descrive la storia della diffusione del primo buddismo in Asia centrale.

Cittadino onorario di Termez, è anche autore di molti lavori di ricerca, tra cui "All'incrocio della Via della Seta", "Viaggio nella civiltà eurasiatica", e "Popoli eccezionali dell'Asia centrale". Anche i testi scolastici sulla storia dell'Uzbekistan raccontano del suo meticoloso lavoro.

Per più di 25 anni, lo studioso ha lavorato a stretto contatto con l'Accademia delle Scienze e altre istituzioni scientifiche in Uzbekistan, partecipando a vari progetti e conducendo scavi archeologici nel nostro unico paese.

Kyuzo Kato fu uno dei primi studiosi del Paese del Sol Levante che si interessò sinceramente alla storia antica della nostra regione e divenne un sostenitore dell'intensificazione della cooperazione multiforme tra il Giappone e il nostro paese.

L'eminente studioso si è spento il 12 settembre 2016 nella provincia di Surkhandarya all'età di 94 anni.

Per perpetuare la memoria e le attività scientifiche dell'archeologo giapponese Kato Kyuzo in Uzbekistan, il nostro presidente Shavkat Mirziyoyev ha presentato un'iniziativa per stabilire il Museo Storico Internazionale Kato Kyuzo (KIMIKK). Il museo sarà stabilito nel parco Bakht nella città di Termez.

Un commento

0

Lascia un commento

Per poter lasciare un commento è necessario effettuare il login attraverso i social network:


Effettuando il login, acconsenti al trattamento Dati personali

Guarda anche